Costa Navarino, Grecia di classe

di
The Romanos di Costa Navarino

The Romanos di Costa Navarino

Costa Navarino è un riflesso del Mar Ionio: si riverbera d’incanto sulle sue coste, disteso tra le infinite bellezze naturali e architettoniche della Messinia. E’ qui, nel Peloponneso sud-occidentale della Grecia, che sorge il resort dalla classe cristallina. Come le acque in cui si specchia.

Un progetto in divenire che affonda le sue radici nella storia millenaria della regione, la rispetta e se ne fa vanto per regalare comfort, cultura e natura in un’unica dimensione che mette il visitatore al centro di un complesso grande e magnifico, ma a misura d’uomo.

Costa Navarino è un insieme di insiemi: dagli hotel cinque stelle de luxe, a strutture congressuali per uomini d’affari. Spa sublimi e centri di talassoterapia. Campi da golf da far invidia ai maestri scozzesi e attrattive divertenti per ogni età. Il tutto condito da una cucina superba per ogni palato e nazionalità.

Il fior all’occhiello dell’intero impianto è Navarino Dunes: su 130 ettari di colline sinuose, orientate a ovest, sorgono The Romanos, A Luxury Collection Resort e The Westin Resort. La loro foggia si ispira alla tradizione costruttiva della Messinia: motivi architettonici del luogo e pietre naturali si sposano con il paesaggio, valorizzandolo.

Intorno a uliveti rigogliosi, dove i grilli friniscono l’aria antica, The Romanos specchia se stesso e la sua eleganza nel Mar Ionio. Gli ospiti delle 320 fra camere e suite di metratura fra i 43 e i 192 m², con piscina privata in quelle posizionate al piano terra, e la Royal Villa Koroni di 660 m², possono godere di questo scenario bucolico.

Il resort ha diversi ristoranti di livello: piatti tradizionali ed etnici dagli ingredienti biologici locali soddisfano ogni richiesta. C’è anche il self-cook, l’area barbecue per le famiglie. L’impianto è arricchito da zone relax: qui si immerge lo sguardo nell’incantevole vista del posto e si vive l’atmosfera unica del luogo, come le ampie lounge, i chill-out bar, situati nelle piscine e i gazebo.

The Westin Resort, invece, è la destinazione ideale per i nuclei familiari: ha 444 camere Deluxe, Family Room e suite, comprese tra 40 e 80 m2, e la Royal Villa Methoni di 625 m2. Sorgono nell’orizzonte dalle colline verdeggianti: hanno vista mare e terrazze ampie o balconi con aree lounge. La maggior parte delle stanze del piano terra godono di piscine private.

La delizia per gli occhi lo è anche per il palato: tre diversi ristoranti con cucina locale, etnica e internazionale, oltre a un bar & grill a bordo piscina e un autentico “American Diner” possono soddisfare il gusto di chiunque. E dopo un pranzo o una cena degna di un sovrano greco, le tante piscine con bar, le lounge, i chill-out bar, la libreria e le sedute open air, diventano ancora più piacevoli per rilassarsi guardando il paesaggio.

Da ottobre di quest’anno, The Westin rimarrà aperto anche durante il periodo invernale, trasformando così Costa Navarino in un luogo per ogni stagione e per ogni passione. Grazie anche al clima suadente della Messinia.

Ma le sorprese del resort non finiscono qui: la Anazoe Spa è una tra le tante. Trattamenti ispirati all’antica Grecia, oltre a kinesiterapia e piscine galleggianti, la grotta di ghiaccio, le docce emozionali e le saune aroma terapiche, sono un paradiso del corpo e della mente che, dolce, cede al relax.

Nel centro di 4000 m2 è anche possibile avere il trattamento di oleotherapy, l’unico al mondo: le sue origini sono antiche e possono essere rintracciate nelle tavole di argilla dell’epoca di Omero. Sono state ritrovate nel Palazzo di Nestore, proprio vicino a Navarino Dunes.

Costa Navarino non dimentica i più piccoli e a loro dedica il “Cocoon” e il “SandCastle”, per deliziarsi con il parco acquatico e la possibilità di pernottamento all’interno degli edifici solo per i bambini, comunque sempre sotto attenta supervisione di personale qualificato.

C’è anche spazio per la conoscenza al Navarino Natura Hall, un luogo dove apprendere tutto sull’ambiente e la natura intorno. Un’esperienza dal divertimento assicurato ma dal profondo valore educativo.

Ma anche gli adulti hanno un “luogo business” tutto loro: l’House of Events. Oltre 5.000 m2 ospitano sino a duemila persone. Gli spazi comprendono una ballroom di 1.400 m2, undici sale riunioni dai 50 a 200 m2, un’area espositiva di grandi dimensioni, e un ampio atrio con spazio esterno.

Dal lavoro al divertimento il passo è breve: basta farsi portare da un’auto elettrica al Dunes Course. Il campo da golf, progettato da Bernhard Langer – giocatore tedesco vincitore di numerosi tornei in Europa e negli Stati Uniti -, in collaborazione con European Golf Design, è gestito da Troon Golf.

Il Green si trova in un paesaggio con vista mare e sul fiume ed è il primo campo griffato della Grecia. Ha 18 buche, par 72, si delinea su circa 6.200 m. dai back tees e poco più di 5.000 m. dai front tees, e ha un campo pratica e uno per il gioco corto e una club house con un’area lounge e un pro shop.

Il secondo campo da golf, The Bay Course, progettato da Robert Trent Jones II e gestito da Troon Golf, sarà inaugurato questo ottobre a Navarino Bay e proporrà un’esperienza di gioco adatta a tutti: professionisti e semplici appassionati.

Un altro luogo dal nome antico, ma dal fascino moderno è l’Agorà: il cuore di Navarino Dunes batte al ritmo di ristoranti, negozi, bar. Ci sono persino un anfiteatro greco e un cinema open air. Oltre a diverse attività, tra cui sport acquatici, bici, nordic walking e sport con racchette, nel centro sportivo si può giocare a bowling, squash, badminton e basket, con una zona ampia per la meditazione e l’allenamento.

Chi vuole, poi, può immergersi nella storia e nelle tradizioni della Messinia praticando lo pesca, scoprendo la produzione di olio e vino, e incontrando la comunità locale.

Il progetto dell’impianto prevede una seconda fase: la realizzazione di Navarino Bay che verrà inaugurata nel 2013 con il primo Banyan Tree Resort. Si tratterà di sole ville private con piscina, un unicum nel suo genere.

Il tutto sempre e comunque nel rispetto dell’ambiente così come è stato sino ad ora per l’esistente. Infatti Costa Navarino adotta politiche e pratiche sostenibili per l’acqua e l’energia, un programma di riciclaggio per la gestione integrata dei rifiuti solidi e liquidi, e una serie di programmi ambientali per conservare la biodiversità e la tutela di habitat ecologicamente importanti.

Ne è dimostrazione il Navarino Environmental Observatory, dedicato allo studio del cambiamento climatico e del suo impatto sulla natura nel Mediterraneo. Il centro, sviluppato in collaborazione con il Bert Bolin Centre for Climate Change dell’Università di Stoccolma, il Centre of Environmental Health and Biophysics of the Biomedical Research Foundation dell’Accademia di Atene e TEMES, è uno dei simboli di questo luogo.

Ecco perché chi godrà dell’ospitalità di Costa Navarino, percepirà il resort come un riflesso cristallino del Mar Ionio.

I commenti all'articolo "Costa Navarino, Grecia di classe"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...